top of page

AnimaMundi

  • Accrescere l'autostima attraverso la consapevolezza yogica e la creatività 

  • Migliorare le relazioni e svilupparne l'armonia con le dottrine di Jaggi Vasudev, comunemente conosciuto come Sadhguru

  • Problem solving e sviluppare nuovi obiettivi

  • Utilizzare il proprio potenziale energetico

  • Avvalersi delle terapie vibrazionali con i Fiori di Bach

  • Pratiche paniche di Jodorowski

  • Comprendere la propria metagenealogia

  • Imparare a comunicare nel modo giusto

  • Costellazioni con le pietre

  • Conversazioni sul Pianeta 

  • Campane tibetane e meditazioni brevi

  • Strategie comportamentali in ambito criminologico

 

=> Si precisa che non si entra nell'area del disagio e del malessere, non si indaga il passato né si interviene nelle dinamiche psicologiche

SeminariLaViaDellaTrasformazione.webp

Come possiamo fare assieme una trasformazione per noi stessi e il pianeta?

ARRIVARE AL NOSTRO MONDO ANCESTRALE E RICONGIUNGERSI SECONDO LE PRATICHE DI ALEJANDRO JODOROWSKY

Cosa sono le "pratiche paniche"?

 

Alejandro Jorodowsky ci insegna che (Cit.) "La terapia de pánico (o psicomagia) no es adecuada para todos. Es un acelerador de "curación", o un ritual antropológico: un acto psicomágico, para que funcione, debe aplicarse siempre con precisión, sin saltarse ningún paso." Ad esempio, sono lettere che si scrivono con delle indicazioni precise, si bruciano le ceneri, si mescolano alla terra, si coltiva, etc.

Cristobal ci insegna che é  (Cit.) "destinata a individui disposti ad auto-responsabilizzarsi sulla propria guarigione, per ri-orientare la propria esistenza da una vocazione che faciliti la risoluzione dei conflitti nell'anima e per realizzarsi all’interno di un processo di trasformazione rigoroso, e a persone preparate a rischiare, confrontarsi e compromettersi con un proposito che supera la propria persona". Si tratta di persone sane, in grado di autodeterminarsi, e non si opera con il disagio

Il consulente che utilizza la pratica panica è un artista che conosce bene, pratica da anni e usa la danza, la poesia, pittura, musica, scultura, cucina, aromaterapia, conversazioni, rituali, coltivazioni, per condurre una "trappola sacra". Affinché si realizzi una catarsi sciamanica, è necessario che il consultante creda che possa avvenire questa trasformazione spirituale per formare un'alleanza. Quindi, è possibile aprire la porta "al mundo magico" che è la verità, il cuore vitale, dove si trova ciò che si è e non quello che la famiglia, la società e la cultura vogliono che siamo. 

Cristobal Jodorowsky, in una sua intervista, definisce la pratica o terapia panica come una emanazione simbolica contenente le chiavi della soluzione dell'anima da curare. È una delle “lingue” parlate nel regno del profondo, dove nidifica la trappola sacra. Le chiavi simboliche di un atto arrivano alla/al curandera/o dopo aver analizzato il consultante, comunicando senza parole. Jodorowsky definisce la curandera/o come terapeuta panico, ma attenzione: il terapeuta panico non ha nulla a che vedere con lo psicoterapeuta [vedasi I'intervista sulla "Psicomagia, una terapia panica, Conversazioni con Gilles Farcet", 1997].

Cristobal insegnava: "L’atto psicomagico mobilita la nostra profonda psiche e ci rende consapevoli a tutti i livelli, compreso quello istintivo. L’obiettivo è che le nuove informazioni rimangano incise nel corpo."

Tutto avviene tramite la pratica di alcuni rituali sacri e spirituali ideati dalla famiglia Jodorowsky.

ARMONIA E CONSAPEVOLEZZA

Verso il benessere del sé e del pianeta

​​

L'importanza dell'educazione verso un benessere globale è fondamentale, così come l'orientamento del proprio modo di vivere verso molteplici aspetti della realtà in cui coesistono sinergicamente il nostro benessere, quello degli altri e del mondo a noi circostante del regno animale, vegetale e minerale. Ciò si traduce anche in un importante lavoro sulla coscienza umana per orientare l’attuale stato della società verso una direzione positiva e sostenibile. Un impegno personale e sociale. Si opera con persone sane o con la parte sana di ciascuno, per ritrovare l'armonia  attraverso l'uso di tecniche naturali, energetiche, artistiche, culturali e spirituali. Viene ad essere stimolato quindi quel naturale processo di trasformazione che ci ricongiunge con l'Anima del Mondo.

Riequilibrio

RIEQUILIBRARE LE NOSTRE VIBRAZIONI

Terapie vibrazionali con i Fiori di Bach

 

I Fiori di Bach sono riconosciuti dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) e sono preparati a base di principi vegetali studiati negli anni ’30 dal Dott. Edward Bach.

Durante la laurea italiana in 'Scienze Psicologiche della personalità e delle relazioni interpersonali' presso facoltà di Psicologia di Padova, ho presentato la tesi dal titolo 'La terapia vibrazionale dei Fiori di Bach: alternativa o supporto alla psicoterapia?'

A cosa servono quindi i Fiori di Bach?

I Fiori di Bach servono a sbloccare la forza reattiva di un individuo e a mobilitare le proprie forze interiori per innescare un cambiamento positivo. Essi lavorano - in modo sinergico a qualsiasi altro percorso - sul riequilibrio degli atteggiamenti emozionali negativi che favoriscono l’insorgere dei disturbi più vari. 

Sono indicati a tutte le età, compresi i bambini che spesso beneficiano enormemente di questa terapia. 

In linea generale, come da indicazioni delle case produttrici, i Fiori di Bach sono validissimi per qualsiasi problematica, ad esempio (cit.) "ansia, depressione, panico, superamento di un lutto, stanchezza, malinconia, gelosia, mancanza di autostima, tensione nelle relazioni familiari, impazienza, rigidità comportamentali, difficoltà nelle relazioni di coppia, nostalgia del passato, etc.." 

 

Come funzionano?

La terapia del Dottor Bach trova facile spiegazione nel momento in cui si abbandona la fisiologia classica e ci si addentra invece nella fisiologia della medicina energetica, all’interno della quale la teoria enegetico-vibrazionale trova fondamento.
Secondo la medicina energetica, l’essere umano è un ricevitore e trasmettitore di energia, pertanto per avere una situazione di benessere bisogna godere di una certa armonia, tra il dare e ricevere. Ne consegue che la malattia è uno squilibrio energetico (dal famoso concetto di Ying e Yang).
L'assunzione dei Fiori di Bach consiste in un "intervento atto a riarmonizzare e a riequilibrare la persona, riportandola al suo cammino originario", come affermava Edward Bach.
Dal punto di vista funzionale, basta un piccolo quantitativo di sostanza, per una somministrazione di quattro gocce sotto la lingua per quattro volte al giorno, per creare una risposta energetica.
Tale ottica è in contraddizione con la fisiologia classica che basa la risposta sulla quantità di sostanza somministrata. 
Finalmente con la terapia vibrazionale di Bach, l’uomo viene riportato ad essere il protagonista assoluto del suo benessere e malessere. Non presentando dal punto di vista chimico alcuna modificazione strutturale, i Fiori di Bach non produrranno alcun effetto indesiderato. Una cattiva somministrazione di tali rimedi, lasceranno semplicemente la persona nello stato in cui si trova. I Fiori di Bach non si sostituiscono all’organismo, ma si integrano con esso, diventando parte di un tutto nel processo di guarigione.

E' preferibile utilizzare dei Fiori di Bach di piante fresche spontanee selvatiche provenienti da zone incontaminate e selvagge, biologici e biodinamici. 

PRATICA

Concentrazione, Centratura, Consapevolezza

La concentrazione è lo sforzo positivo della mente che si allena per dirigere l’attenzione verso il suo oggetto senza l’interferenza del pensiero che risente dell’esperienza passata o delle proiezioni sul futuro e senza altre contaminazioni.

 

La centratura è l'uscita dall’illusione soggettiva che viene a crearsi con l’ego.

La consapevolezza è la capacità di agire quanto più possibile in modo intenzionale, dirigendo uno sguardo puntuale a ogni cosa si faccia, si dica, si pensi.

 

A questo aggiungiamo poi, in alcuni sistemi di pensiero,  la coerenza. Ovvero dire ciò che si pensa e fare ciò che si dice.

L'obiettivo è lo studio del radicamento nel momento presente, un passo alla volta. Se resta ancorata a ciò che accade hic et nunc, la mente esprime la sua potenzialità piena lavorando con l’unico materiale possibile: la realtà nel momento in cui si presenta. Così facendo, la mente non si arresta nel restare ferma al passato né si affatica ad inseguire il futuro.

In questo processo, mi avvalgo in particolar modo delle dottrine e degli insegnamenti di Jaggi Vasudev, comunemente conosciuto come Sadhguru.

Campane tibetane

Le campane tibetane antiche utilizzate in alcune pratiche sono forgiate con una lega speciale composta da 7 Metalli associati all'influenza dei sette pianeti del sistema solare, e da cui ne ricevono le proprietà.

Oro/Sole

Argento/ Luna

Ferro/Marte

Mercurio/Mercurio

Stagno/Giove

Rame/Venere

Piombo/Saturno

Il suono della campana tibetana genera diverse frequenze che aiutano a creare l'onda energetica che mette in equilibrio la relazione fra corpo e mente. Con il massaggio sonoro con campane tibetane non si curano malattie, ma vengono rinforzate le parti sane della persona e producono un importante beneficio. Ci si sente più in armonia con se stessi e con il mondo.

Costellazioni con le pietre

Seguendo l’insegnamento degli sciamani e creando un mio metodo, le costellazioni con le pietre svelano come il nostro spazio all'interno del piccolo universo che frequentiamo o nell'immensità del Cosmo, possano essere ristabilite secondo un ordine più vicino alla nostra autenticità.

UTILIZZARE IL PROPRIO POTENZIALE

Comunicare nel modo giusto, fissarsi obiettivi e perseguirli

Possono essere obiettivi di varia natura, come la scelta di un percorso universitario, il passaggio da una professione ad un'altra, una motivazione interiore nel rimanere coerenti e attivi su una visione del Pianeta. Questo comprende anche un'assistenza in alcune materie per i più giovani, opportunamente concordata con i genitori, in ripetizioni con le tecniche motivazionali (francese, italiano, inglese, scienze, letteratura italiana e francese).

Accrescere l'autostima tranne la consapevolezza yogica e la creatività

Da non confondere con un lavoro psicologico sull'autostima, in questo caso si organizzano seminari in collaborazione con insegnati di yoga che si propongono una tematica (ad esempio "il chakra del cuore", svolto in collaborazione con l'insegnante di yoga certificata Alessia Besuzzi), si prepara cibo vegan (ad esempio di colore verde come il quarto chakra) e si sviluppano assieme esercizi creativi. 

bottom of page